cheap nfl jerseys 857 cheap jerseys china 477 Final Four Investing Brack 749460

carried the market on its back and sits on gobs of cash and investments ($100 billion and counting), so why jump off the train? Eventually the music stops and while this amazing Continua a leggere »

La notte dei ricercatori: 25 e 26 settembre

Notte dei Ricercatori La Città incontra l’Università – L’Università incontra la Città venerdì 25 e sabato 26 settembre 2015 Meet Me Tonight – La Notte dei Ricercatori – è un’iniziativa europea che Continua a leggere »

Evoluzione tecnologica

Secondo i dettami evolutivi una specie sopravvive solo quando riesce a trovare un equilibrio con il suo intorno; in termini più semplici, come prima conseguenza si potrebbe dire che la sopravvivenza è Continua a leggere »

Tag Archives: Dominazione

Storie di Complottismi : i Rettiliani

Promulgata da David Icke, ex presentatore sportivo della BBC definitosi nel 1991 “son of the Godhead” dopo che una chiromante gli svelò che il suo ruolo sulla terra era di fare da avatar per lo spirito del mondo, il concetto dei rettiliani è molto semplice: non sono altro che esseri dalle fattezze rettili, eretti (quindi umanoidi), succhiatori di sangue (come  vampiri) ed alieni, provenienti infatti dal sistema solare Alpha Draconis (sistema realmente esistente).

I rettiliani hanno un solo scopo: la dominazione del mondo. Pur essendo alti tra il metro e cinquanta e i tre metri, posseggono la capacità di mutare forma, cosa questa che gli permette di apparire umani, posizionarsi in luoghi di potere e riprodursi con i terrestri creando meticci (i Bush e la regina Elisabetta dovrebbero infatti avere legami di sangue con gli extraterrestri di Alpha Draconis).

Costellazione - Alpha draconis.

Costellazione – Alpha draconis.

Sebbene si supponga che questa teoria sia nata nel 1934 con la bufala della scoperta di una città sotterranea creata da una razza di lucertole umanoidi, l’idea più verosimile è che i Rettiliani nascano dal programma televisivo V (Visitors). Al di là di tutto, il cospirazionismo di Icke è talmente assurdo (e ovviamente senza straccio di prove) da portare a due sole possibili conclusioni: o Icke ci crede veramente (così come a tutte le altri teorie da lui promulgate, in buona fede), oppure la sua è una strategia, uno dei più grandi scherzi giocati all’umanità, la dimostrazione che anche i complottismi più assurdi possono trovare persone (anche se poche) che li seguano e credano in essi, comprando pure i libri di Icke.

 

Aspettando Attivissimo

 

http://en.wikipedia.org/wiki/Reptilians

http://en.wikipedia.org/wiki/David_Icke

http://skeptoid.com/episodes/4046

http://www.time.com/time/specials/packages/article/0,28804,1860871_1860876_1861029,00.html

Storie di complottismi : Vril, il fluido della razza sotterranea

Nel 1871 viene pubblicato un libro dal titolo The Coming Race, il tutto in forma anonima; lo scrittore si rivelerà essere Edward Bulwer-Lytton, famoso per aver coniato le frasi “la penna è più forte della spada” e “era una notte buia e tempestosa”.  La storia è di per sé molto semplice: il protagonista del romanzo si spinge all’interno di anfratti terrestri fino a trovare una popolazione sotterranea ipertecnologica (i Vril-ya) in possesso di un fluido (Vril) in grado di far compiere azioni mirabolanti, come distruggere e guarire esseri viventi a comando.

A distanza di alcuni decenni, la pseudoscienza (in special modo la pseudostoria) iniziò a farla da padrone nella cultura nazista (si veda il concetto di ariano). L’idea di una razza sotterranea superiore in possesso di un grado tecnologico avanzato non poteva quindi non trovare un terreno fertile; indicativamente, il gruppo nazista che si occupava di trovare questo fluido (Vril) si chiamava Wahrheitsgesellschaft (“gruppo per la verità”) ed era localizzato a Berlino.

Copertina del romanzo

Copertina del romanzo

Come se si fosse davanti ad un gioco di specchi, l’esistenza stessa della Wahrheitsgesellschat è messa in discussione. Le notizie della sua esistenza sono infatti riferite da Willy Ley, uno storico della scienza tedesco che fuggì dai nazisti nel 1937; Ley ne parla nell’articolo “Pseudoscience in Naziland”, aggiungendo in breve che la ricerca del Vril da parte i membri della Wahrheitsgesellschaft si svolgeva solo durante il loro tempo libero. Prove certe dell’esistenza di una società esoterica nazista atta alla ricerca del Vril sono quindi da contarsi sulle dita di un pesce, ossia sono pari zero.

Date le credenziali di Willy Ley, si possono presupporre due soluzioni: o lo storico si era del tutto sbagliato, o più semplicemente c’erano sì pseudo-scienziati attratti dall’idea di una razza sotterranea, ma si trattava di un gruppo sparuto di breve vita, un gruppo che spendeva solo minuscoli ritagli di tempo a chiedersi se i Vril-ya fossero realmente esistiti.

 

Aspettando Attivissimo

 

http://en.wikipedia.org/wiki/Vril

http://www.gutenberg.org/ebooks/1951

http://en.wikipedia.org/wiki/Willy_Ley

http://www.alpenfestung.com/ley_pseudoscience.htm

Storie di complottismi : il gruppo Bilderberg

Nato nel 1954, il gruppo Bilderberg non è altro che un evento annuale in cui partecipano varie personalità di spicco, normalmente banchieri, capi di industria e politici. L’idea originale era molto semplice: creare una conferenza per discutere del rapporto Europa-America, in special modo per diminuire il sorgere di sentimenti anti-statunitensi e aprire così un dialogo tra le nazioni. Al di là delle visioni politiche che ciascuno di noi può avere, il fine dell’evento del 1954 risulta tutt’altro che cospirazionista.

Disparate sono le critiche verso il gruppo Bilderberg. Un punto cruciale è il loro esclusivismo ed elitarismo che viene radicalizzato nell’idea di “società segreta con obiettivi di dominio”: il fine di questi eventi annuali sarebbe infatti il decidere le sorti del mondo, il tutto per arrivare al risultato di una centralizzazione di potere globale, centralizzazione che ovviamente cadrebbe nelle mani dei bilderberghiani. Il paradosso risalta nel concetto di segretezza: tutti infatti sono a conoscenza delle conferenze (date e luoghi) così come del nome dei partecipanti. Allo stesso tempo, le critiche cospirazioniste incontrano un altro paradosso: alcuni infatti propongono l’idea di un gruppo Bilderberg ispirato alla sinistra russa, altri di un gruppo Bilderberg ispirato alla destra americana.

Bilderberg 2013

Bilderberg 2013

Il concetto di “dominio mondiale” non è certamente cosa nuova, e tra i vari gruppi tacciati di “brama di potere globale” si annoverano i massoni, gli illuminati o addirittura gli ebrei. Una cosa è certa: credere che tutti gli esseri umani si possano trovare a rispondere incondizionatamente ad un solo gruppo di potere è una fantasia che non tiene conto della complessità degli uomini e dei rapporti di potere. Criticare il gruppo Bilderberg per il loro elitarismo, per il loro esser troppo legati al mondo dell’economia, della finanza, degli Stati Uniti e dell’Europa, o per non aprire il dialogo ad una massa di popolazione più ampia è lecito; presupporre che siano un gruppo di dominazione senza avere alcuna prova reale (e spesso solo prove contrarie) risulta essere puro complottismo.

 

Aspettando Attivissimo

 

http://www.bilderbergmeetings.org/index.php

http://www.guardian.co.uk/world/bilderberg

http://en.wikipedia.org/wiki/Bilderberg_Group